the100dayproject 2022 Yulia A. Korneva

100 giorni da macchiaioli

the100dayproject 2022 è partito13 febbraio, quest’anno saranno 100 giorni da macchiaioli. Ecco perchè…

Idea… fissa

Quest’anno cerco la sintesi nella pittura.
Mi ispiro ai Macchiaioli, una corrente artistica italiana conosciuta per la freschezza delle pennellate, luci e contrasti accentuati riprodotti con poche “macchie” di colore. Vorrei imparare a rappresentare con pochi tratti i vari soggetti dai paesaggi, nature morte, animali a… perché no, qualche atmosfera surreale. Per la migliore sintesi lavorerò sui piccoli formati.

Inizierò dal copiare i capolavori di Giovanni Fattori, Telemaco Signorini ed altri artisti del gruppo pittorico del Caffe Michelangiolo.
Cosa ne pensi?

Vuoi ricevere le cartoline dipinte a mano dei miei viaggi? Clicca qui e scopri come entrare nella cerchia esclusiva dei miei sostenitori!

Per aggiornamenti in tempo reale seguimi sui social network  FacebookInstagram e TwitterTumbler e Pinterest e diventa il mio sostenitore su Patreon.

Se hai delle domande, suggerimenti o vuoi condividere un idea? Clicca qui e scrivimi!

natura viva pianezza italy

Mostra collettiva “NATURA VIVA”

Locandina della mostra
Locandina della mostra

Mostra collettiva “NATURA VIVA” avrà luogo dal 19 al 27 marzo in Villa Casalegno a Pianezza.
La mostra sarà visitabile 26 e 27 marzo 10-12 e 16-18.

Inaugurazione 19 Marzo alle 16:00 in Via al Borgo 2, Pianezza (To).

Alla mostra ho proposto una serie inedita delle illustrazioni dedicata alle vedute dei boschi nei pressi di Mosca (Russia). La serie è composta da 9 opere 10×15 cm realizzate con tecniche miste su cartone e lo sketchbook russo del 2021 realizzato durante il viaggio a Mosca nel mese di Novembre. All’esposizione l’album è incorniciato aperto ad una pagine con invito agli spettatori di sfogliarlo liberamente.

Assemblando la mostra in mostra collettiva “NATURA VIVA” in villa Casalegno

Panoramica delle opere risposte alla mostra collettiva “NATURA VIVA”

Vuoi ricevere le cartoline dipinte a mano dei miei viaggi? Clicca qui e scopri come entrare nella cerchia esclusiva dei miei sostenitori!

Per aggiornamenti in tempo reale seguimi sui social network  FacebookInstagram e TwitterTumbler e Pinterest e diventa il mio sostenitore su Patreon.

Se hai delle domande, suggerimenti o vuoi condividere un idea? Clicca qui e scrivimi!

natura viva pianezza italy

Art collective “LIVE NATURE” 

Invitation

Art collective “LIVE NATURE” in Pianezza (Italy) will be open from 19 to 27 march in Villa Casalegno, Via al Borgo 2, Pianezza (Italy).
Opening party 19th March at 4 pm at Villa Casalegno, Via al Borgo 2, Pianezza (Italy).

Open hous: 19th, 20th, 26th and 27th March 10-12 am; 4-6 pm.

You can see on this collective a new series of the landscapes and illustrations about Russian woods near Moscow made with mixed media drawing on the cardboard 15×10 cm. The Moscow fall sketchbook 2021 completes the series. The sketchbook is open invitin a visitor to scroll the immages made with ink on acrylic paint.

Work in progress on artworks to show on “LIVE NATURE” collective in villa Casalegno (Italy)

Artworks on show on art collective “LIVE NATURE” in Pianezza (Italy)

If you want to receive the original handmade art postcards from my tours just click here and be a part of the exclusive supporter’s club!

Follow the work in progress and real time news on my social accounts
FaceBook, Twitter , Instagram , Tumbler and Pinterest. Watch my videos and reels on Youtube and support my art on Patreon.

Vero volto di Mosca

Quando vado a Mosca e mi chiedono se visito Cremlino rispondo “Piazza Rossa? No, grazie!”. La città natale lontana dalle luci della ribalta del centro storico, Bolshoy e City. Il vero volto di Mosca è là dove dalle finestre degli appartamenti creati da edilizia popolare si vedono i paesaggi urbani post-industriali sulle sponde di fiume Moscova.

Версия на русском языкеEnglish version

A quella città dal cuore coraggioso e ribelle dedico lo sketchbook ricavato da un agenda vuota del 1995 trovata tra le cose di mio padre mancato lo scorso aprile.

Lontano dai luoghi comuni

Quando dico “Mosca” nella tua mente probabilmente si presenta… no, non dirmi la rivoluzione russa, perché non ci credi neanche tu… probabilmente il tuo subconscio tira fuori una immagine di repertorio della Piazza Rossa, Cremlino o cattedrale di San Basilio. Al contrario da quanto si pensa è questo il tipico paesaggio moscovita:

Le antiche chiese in mezzo ai grattaceli, impianti industriali in disuso e linee ad alta tensione. Mosca è come un collage colorato composto da oltre 12 milioni di abitanti.

Dacia

No, non si tratta di un sotto marchio di Renault! Gli abitanti delle città russe chiamano così la seconda casa in campagna.
In russo arcaico, la parola dača significa qualcosa di dato ed è affine al latino data. Le prime dacie nascono con Pietro il Grande. Inizialmente erano casette estive site in campagna che venivano date ai vassalli leali dallo zar. Poi lo zar è stato sostituito dal partito comunista, ma le dacie sono rimaste.
Ecco d’intorni della dacia dei miei genitori nei colori del foliage autunnale delle betulle, aceri e querce.

Spirito moscovito in un piatto

Le ciotole, piatti, piattini e vassoi, le cucine russe ne sono ricche ed il loro contenuto racconta molto degli abitanti della casa. Basta dare un occhiata per scoprire i loro gusti ed abitudini. Ecco le nature morte disegnate dal vero ovunque in campagna, nelle case di amici e nella mia casa natale a Mosca.

Moskva-City. Uno sguardo dal finestrino è sufficiente

Questo quartiere tra le più giovani ed ambiziosi della capitale russa. Lo vedo dal finestrino del taxi mentre vado o torno dall’aeroporto Sheremetievo. A meno di 5 km dalla Piazza Rossa nel quartiere Presnenskij svetta Moscow International Business Center o MIBC, conosciuto anche come Moskva-City o Crystal Island. E’ un quartiere d’affari tutto in vetro ed acciaio che con i suoi 15 grattacieli è il più grande del continente. Qui troverete le sedi delle banche, giganti del web come Mail.ru e Yandex, lussuosi ristoranti ed abitazioni. L’unica cosa che non troverete è il vero spirito moscovita.

Luoghi da selfy

Come non dare un occhiata ai luoghi stravisti nei film e documentari! Se sei per la prima volta a Mosca, passa una giornata tra i posti “instagrammabili” come la Piazza Rossa, Cremlino e Tverskaya. Scatta un sacco di selfy da postare con hashtag “iocero” con Bolshoi, Catedrale di San Basilio, Cremino, Torre televisiva Ostankino. Ora puoi dire con l’area da intenditore “dal vivo è più basso/ rosso / affollato…” .

Assistenti di volo prepararsi al decollo

E’ ora di partire. Il viaggio richiede un giorno intero. La maggior parte di tempo si passa in attesa. Attesa è ovunque: al controllo dei passaporti, al check-in, nella zona dell’imbarco, in volo e al ricevimento bagagli… In questi frangenti per passare tempo e smorzare l’ansia disegno il caotico mondo dell’aerostazione. Ecco il piazzale di Aeroporto Sheremetievo pieno dei velivoli con la bandiera russa dipinta sulla coda. Un enorme Boing 777 è trainato dal minuscolo carrello a prendere posto nella coda per il decollo, il piccolo A-320 invece parcheggia da solo nell’area di imbarco. La gente con e senza mascherina, termometri e controlli contactless sono tutti i segni del nostro tempo. D’altronde, siamo in piena pandemia da COVID-19.

A proposito, dato che agli imbarchi sono molto fiscali consiglio di prenotare il tampone anti COVID presso il centro all’aeroporto. Così risparmierai tempo e soldi.
Ora si decolla. Devo spegnere il cellulare. Al prossimo viaggio!

Vuoi ricevere le cartoline dipinte a mano dei miei viaggi? Clicca qui e scopri come entrare nella cerchia esclusiva dei miei sostenitori!

Per aggiornamenti in tempo reale seguimi sui social network  FacebookInstagram e TwitterTumbler e Pinterest e diventa il mio sostenitore su Patreon.

Se hai delle domande, suggerimenti o vuoi condividere un idea? Clicca qui e scrivimi!

Another Moscow beyond the Kremlin

What do you imagine when one says “Moscow”? Probably you think about Kremlin, Red Square or St. Basil’s Cathedral… OK, that are the most famous places full of tourists. I will show you another Moscow beyond the Kremlin.

Версия на русском языкеLeggi in Italiano

From my window

Maybe it sounds strange, but most of the Muscovites does not see Kremlin from the window. An average Moscow landscape is something like this:

The ancient churches and cathedrals standing among the skyscrapers, active and dismantled factories and the high tension cables all around.

Dacha

Dacha is the name for a country house. It is a seasonal or year-round second home, often located in the exurbs. The noun “dacha”, coming from verb “davat” (to give), originally referred to land allotted by the tsar to his nobles; and indeed the dacha in Soviet times is similar to the allotment in some Western countries, normally free, to citizens by the local government for gardening or growing vegetables for personal consumption.
Since some time avery my journey to Russia I visit “dacha” of my family. In autumn the country landscapes are coloured by the red and yellow leaves of the trees.

Still-lifes

Usually you will see big and small plats with fruit or vegetables and more in the kitchens of muscovites. These place tell a lot about people who live in there. Here are some still-lifes drawn in different places..

Moscow City

It is one of the most recent and ambitious parts of Moscow. MIBC (Moscow International Business Center), also known as Moscow-City is situated about 4 kilometers (2.5 mi) west of Red Square. Here you will find the headquarters of the banks, web companies like Yandex, Mail.ru, Kaspersky and the luxury apartments and restaurants. But you will unlikely find average muscovites in this major financial centre in Europe.

Selfy time

When you come to Moscow there is no way to avoid the places for postcards and films. Muscovites unlikely come here often because there are a lot of tourists. You are absolutely justified to take some photos with Red Square, Kremlin, University of Moscow and other monuments and places of interest.

Ready to take off

The trip takes almost whole day and consists in waiting most of the time. The time passed standing in ine to check-in, passport control, in boarding zone, in flight for me is an occasion to sketch a chaotic life of the airport and aircraft. By the way, if you want to save time and money make the COVID test directly in the airport. It takes just 1 hour.
Here are some pictures of Malpensa (Italy) and Sheremetievo (Russia) airoports:

It’s time to take off and switch off the devices… see you next trip!

p.s. How I did it.

The story of Moscow fall sketchbook 2021 started in April of the same year when my father passed away. Among his belongings I found an almost blanc agenda of 1995. So I decided to use that notebook to tell Moscow as it seen by a muscovite. The pages are covered with transparent acrylic paint to give a right space to the original page format on the background and the sketch in front line.

If you want to receive the original handmade art postcards from my tours just click here and be a part of the exclusive supporter’s club!

Follow the work in progress and real time news on my social accounts
FaceBook, Twitter , Instagram , Tumbler and Pinterest. Watch my videos and reels on Youtube and support my art on Patreon.

Tuscany sketchbook 2021

It’s not my first time in Tuscany (Italy), That is why I decided to dedicate Tuscany sketchbook 2021 to the places and atmospheres of this region seen and sketched from the different poin of view.

Leggi in ItalianoВерсия на русском языке

This summer we have chosen together the places to sketch…

Thanks to streaming we sketched toghether in real-time night and day …

We saw Florence, Piazza del Duomo and Ponte vecchio from the different point of view in the Cascine park near Arno river.

We also walked among the people of Florence visiting Cascina Market, on of the longest of the Europe.

They come from Vinci, like Leonardo. These mini handmade sketchbooks 3×3 cm purchased in Leonardo’s native town are waiting for the new trips to tell. Click here and suggest the destination!

Tuscany sketchbook 2021 is only piece only. Click here and write me to have it.

If you want to receive the original handmade art postcards from my tours just click here and be a part of the exclusive supporter’s club!

Follow the work in progress and real time news on my social accounts
FaceBook, Twitter , Instagram , Tumbler and Pinterest. Watch my videos and reels on Youtube and support my art on Patreon.

If you have questions, comments or thoughts to share click here and write me. I will be happy to reply.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva

Home made: lockdown in art

“Home made: lockdown in art” is a sketchbook made of more than 30 illustrations 17,5 x 6,5 cm drawn from 10th March to 10th May 2020. Some artworks of this series will be on the “Matite in viaggio 2020” collective in Venice (Italy).

Read this article in Italian

Is it possible to travel even when you stay home to stay safe? Is it possible during he lockdown to go through the home space to go forward? I say “yes” and accept the challenge!
My lockdown started 10th march 2020. I kept on sketching all that time. This is the chronicle of my interior journey to the far and close places I have never seen but I would like to.

Don’t miss the limited edition capsule collection of apparel and accessories from t-shirts to phone cases all with the artworks of “Home Made” sketchbook.

Let me introduce my cats. Their names are Susan and Brie and as well as us they shall stay at home for the lockdown. They pass almost all day on the carpet. Looking at them I see the Egyptian sphinxes. There must be a reason why people revere the cats since the ancient times.

It’s Flash-mob time! There are 2 or 3 flash-mobs every day: first we sing to be brave, than we applaud to the doctors, than we dance, than we place music instruments and make noise … It seams to be on carnival of Rio de Janeiro but we are on the balcony of our homes. It is lockdown, there is COVID-19 outside.

Cactus are the unique plants to survive on the balcony that watch south. This little cactus in the spring sun seams to remember its motherland: the desert. It would be great to go their to sketch that surreal lunar landscapes live.

A puddle on the terrace of my home generously left by the huge Turin rain reflects some weeds. It seams to me to see the fishermen houses of Marano Lagunare near Venice reflected in the water.

The face masks are scarce, so I made them for my family. Finishing the last one the memories of my travel to Turkey with my mother back to my mind. I remember the images of belly dancers with the transparent veils on their faces.

On the balcony in a sunny spring day I talk to my neighbour, during the lockdown a balcony became a sort of social club where to meet people and talk awhile. It sems to be in a typical town of south Italy. I have never been to Naples, but I would like to go there one day.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva

Home made: quarantena a regola d’arte

“Home made: quarantena a regola d’arte” è un album composto da oltre 30 schizzi 17,5 x 6,5 cm realizzati dal 10/03 al 10/05/2020 durante il lockdown per COVID-19 in Italia. Alcune opere sono state presentate alla collettiva “matite in viaggio 2020” a Mestre e sono diventate la base per una collezione moda di t-shirt, felpe ed accessori edizione limitata.

Read this article in English

Indossa le opere di questo album con le felpe, t-shirt ed accessori moda ed arricchisci la tua casa con un cuscino personalizzato. Clicca qui ed acquista la capsule collection.

È possibile per noi oggi, bloccati in casa, ” viaggiare” in questo contesto, trovare il mondo dentro le mura di casa nostra, e andare anche oltre? Io dico di sì ed accetto la sfida!
La mia “clausura” iniziò il 10 marzo 2020. In tutto questo tempo non ho mai smesso di lavorare e di disegnare. Questa è la cronistoria del mio viaggio interiore verso le terre lontane mai viste.

A tempo di flashmob. Ogni giorno ce ne sono almeno 2 o 3 di flash-mob: prima si canta, poi si applaude poi si balla, si suona. Sembra di essere al carnevale di Rio però sei sul balcone di casa. Non si può uscire, fuori c’è il coronavirus.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Flash-mob come al carnevale di Rio

I cactus sono le uniche piante che riescono a resistere sul balcone esposto a sud di casa mia. Questo “piccoletto” arrivato da poco in una giornata di sole sembra che ricordi della sua patria, il deserto. Sarebbe bello andare a disegnare dal vero un giorno quei ambienti desolati e surreali.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Cactus- il piccolo figlio del diserto

La pozzanghera sul terrazzino generosamente lasciata dalla pioggia torrenziale abbattutasi su Torino riflette le erbacce. A me sembra di intravedere attraverso quei riflessi i casoni di Marano Lagunare.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Pozzanghera e casoni della laguna

Le mascherine, prova a trovarle! Mi sono impegnata e ne ho cucite per tutta la famiglia. Mentre sto terminando l’ultima mi ritorna in mente il mio viaggio in Turchia con mia madre e le danzatrici della danza del ventre.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Mascherine fai da te e danzatrici del ventre

Sul balcone si sta bene in una mattina di sole. Scambio due parole con la vicina. Mi viene in mente una immagine stereotipata del sud Italia. Non sono mai stata a Napoli, ma mi piacerebbe.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Balcone e golfo di Napoli

Vi presento i miei “compagni di cella”: la mia famiglia e le nostre due gatte Susan e Brie. Stese sul tappetto persiano mi sembrano due sfingi. Ci sarà un motivo perché i felini furono venerati ancora in antico Egitto.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Le gatte e sfingi

Se desideri acquistare questo album unico clicca qui e contattami.

Segui gli aggiornamenti in tempo reale sui miei account social Facebook, Instagram, Twitter e Tumblr.

Colors of the wine. Watercolors with red wines.

Colors of the wine is the project made of 10 pages of watercolors with red wines of Italy and the stories of the regions the come from. The project will be a part of a special selection at “Matite in viaggio 2020” collective in Venice called “Wine civilization in Italy, in Europe, in the world”.

The project
Every wine has its own character, destiny, perfume and colour; the taste comes after.
Some wines like Freisa, Nebbiolo, Sangiovese take their names from the wine grapes; other wines like Chianti, Brunello di Montalcino, Barolo has taken their names from the places whey come from.
The landscapes, people, culture and traditions – everything is connected in the amazing harmony.
This magic connection between places and wines gave origins to the idea to paint the wine places of Italy with only one colour: the colour of wine.

Piedmont is the region of Italy that gives origins to the great wine grapes. Here Nebbiolo, Barbera, Freisa are grown. Let’s discover their colours and their mother lands with Langa hills running far far away.

piedmont landscape watercolor with red wines
Piedmont (Italy) landscape watercolor with red wines

Barbera grapes is believed to have originated in the hills of Monferrato in central Piemonte, Italy, where it has been known from the thirteenth century.
Barbera del Monferrato takes its name and origins from these antique wine grape.

Piedmont landscape with Barbera red wine
Piedmont landscape watercolor with Barbera red wine

Bonarda Piemontese, now officially listed simply as Bonarda but also known as Bonarda di Chieri and Bonarda del Monferrato is a red wine grape variety that is grown in the north-western region of Piedmont. Today is found in scattered plantings along the left bank of the Tanaro river near Govone.
Bonarda Piemonte is the wine that took its name from this kind of grape.

Piedmont landscape with Bonarda red wine
Piedmont landscape watercolor with Bonarda red wine

Freisa is a red Italian wine grape variety grown in the Piedmont region of north-west Italy, primarily in Monferrato and in the Langhe, but also further north in the provinces of Turin and Biella. Freisa is a vigorous and productive vine whose round, blue-black grapes are harvested in early October.
Freisa d’Asti takes its name from the grape and the land where it grows.

Piedmont landscape with Freisa red wine
Piedmont landscape watercolor with Freisa red wine

Tuscany with its reach landscapes from green and blue Maremma to the desert fields near Florence and hills of Chianti region is the land of Sangiovesse wine grape that gives origins to numerous wins from Brunello di Montalcino to Chianti.

Tuscany landscape watercolor with brunello di montalcino
Tuscany Italy landscape watercolor with brunello di montalcino

Brunello di Montalcino is a red DOCG Italian wine produced in the vineyards surrounding the town of Montalcino, in the province of Siena, located about 80 km south of Florence in the Tuscany wine region. Brunello, a diminutive of Bruno (“brown”), is the name that was given locally to what was believed to be an individual grape variety grown in Montalcino. In Montalcino the name Brunello evolved into the designation of the wine produced with 100% Sangiovese grape.

Tuscany landscape with brunello di montalcino
Tuscany Italy landscape watercolor with brunello di montalcino

Colori del vino. Acquerelli con vino.

Colori del vino. Acquerelli con vino è un album composto da 10 pagine 24×17 cm di cui alcune saranno esposte nalla sezione speciale della collettiva “Matite in Viaggio 2020” a Mestre dal nome “La civiltà del vino in Italia, in Europa, nel mondo”.

Il progetto.
Ogni vino ha il proprio carattere, destino, profumo e colore prima ancora del sapore. Alcuni vini portano con orgoglio i nomi dei vitigni dai quali prendono origine come Freisa, Nebbiolo, Sangiovese; altri come Chianti, Brunello di Montalcino, Barolo hanno immortalato nei loro nomi i posti dai quali provengono. I paesaggi, gente, cultura e costumi del posto – tutto è collegato in una meravigliosa armonia.
Da questa magica simbiosi tra i vini e luoghi nasce l’idea di ritrarre i paesaggi e vitigni con un unico colore, quello del vino.

Piemonte, la terra dei grandi vini e dei vitigni autoctoni. Qui troviamo nebbiolo, barbera, freisa. Ecco i loro colori, i loro grappoli, le loro terre natali con le morbide curve delle Langhe che tendono all’infinito.
Dipinto con Freisa d’Asti, Barbera del Monferrato D.O.C. e Bonarda Piemonte D.O.C. su carta colorata

paesaggio piemontese dipinto con i vini rossi
paesaggio piemontese dipinto con i vini rossi di Piemonte

Bonarda Piemonte si ricava dai grappoli dell’omonimo vitigno autoctono del Piemonte a bacca rossa. Fino ad un’epoca recente detta anche “bonarda piemontese” o “bonarda novarese”.
colore: rosso rubino intenso
odore: intenso, gradevole
sapore: secco, amabile, leggermente tannico, fresco, talvolta vivace o frizzante

paesaggio langhe con Bonarda
paesaggio langhe acquerello con vino Bonarda

Barbera del Monferrato è originario dalle “terre dei santi” legate ai nomi di San Giovanni Bosco e San Damiano d’Asti. Porta dentro lo spirito delle dolci colline, i filari di vigne, le chiese arroccate sui colli. Questo vino prende il suo nome dal vitigno autoctono Barbera da cui prende le origini.
colore: rosso rubino più o meno intenso.
odore: vinoso.
sapore: asciutto o leggermente abboccato, mediamente di corpo, talvolta vivace o frizzante.

Castelnuovo don bosco dipinto con barbera
Castelnuovo don bosco dipinto con barbera su carta da incisione

Freisa d’Asti prende il nome del vitigno Freisa coltivato anche esso nelle langhe, in particolare nella provincia di Asti.
colore: rosso granato cerasuolo piuttosto chiaro, con tendenza a leggero arancione quando il vino invecchia.
odore: caratteristico, delicato, di lampone e di rosa.
sapore: amabile, fresco con sottofondo assai gradevole di lampone.

paesaggio piemontese dipinto con freisa
paesaggio piemontese dipinto con vino rosso freisa

Toscana con la sua varietà dei paesaggi dal verde rigoglioso della Maremma alle colline brulle e cipressi surreali dell’entroterra. E poi ci sono le colline del Chianti. Qui regna il Sangiovese. Quante sfumature regala quel unico vitigno dal brunello di Montalcino al Chianti.
Dipinto con Chianti e Brunello di Montalcino su carta.

paesaggio toscano con brunello di montalcino
paesaggio toscano dipinto con vino brunello di montalcino

Brunello di Montalcino come la maggior parte dei vini toscani nasce dai grappoli di Sangiovese. La sua patrie è nell’area del comune di Montalcino in provincia di Siena.
Colore: rosso rubino intenso tendente al granato;
Odore: caratteristico ed intenso, con richiamo ad aromi di geranio, ciliegia e spezie
Sapore: asciutto, caldo, un po’ tannico, robusto, armonico, persistente.

paesaggio con brunello di montalcino
paesaggio toscano dipinto con vino brunello di montalcino
grappolo di sangiovese dipinto con Brunello di Montalcino
grappolo di uva sangiobvese dipinto con vino brunello di montalcino