Collezione Art2wear Mix & Match

Le giornate sono ancora calde, l’umore è ancora alto. E’ il momento giugno per un guardaroba autunnale, ma non troppo. Collezione Art2wear Mix & Match, la collezione che parla il piemontese. I capi colorati, ironici e funzionali danno il meglio di sé sugli sfondi che raccontano il capoluogo piemontese nel dialetto locale. Le illustrazioni sono state realizzate durante Eurovision 2022.

Un po’ di storia

Il piemontese (nome nativo piemontèis, [pjemʊŋˈtɛi̯z]) è una lingua gallo-italica. Nonostante venisse sovente associato all’italiano e al francese, per via della posizione geo-storica del Piemonte, il piemontese è la lingua di raccordo tra il lombardo e l’occitano ed è parte della memoria storica della colonizzazione gringa della pampa argentina. Il piemontese è riconosciuto fra le lingue minoritarie europee dal 1981 ed è censito dall’UNESCO tra le lingue meritevoli di tutela. Il 15 dicembre 1999 il Consiglio regionale del Piemonte ha ufficialmente riconosciuto il piemontese e nel 2015 ha attivato la versione in piemontese del proprio sito ufficiale.

Lavori in corso

a collezione deve il suo nome al mood che si risperava durante Eurovision: mescolare, contaminare abbinare, contrapporre ed unire. Tutto dalla in tutto dalla scelta dei tessuti ai colori e fantasie.

Torino da visitare

Abito bi-color in tessuto di cotone bianco e blu stampato sullo sfondo del Mote dei cappuccini. Il Monte dei Cappuccini è una collina di 325 m, su di esso, si erge il convento e la chiesa di Santa Maria al Monte, affidato ai frati Cappuccini, da cui il nome.

Spolverino in jeans azzurro impreziosito dai dettagli in pizzo sulle tasche, le maniche svasate e la cintura da utilizzare per dare un tocco di sobria eleganza.  Per lo sfondo ho scelto il castello di Valentino. Acquistato da Emanuele Filiberto di Savoia nel 1564, il Castello deve il suo nome alla regione, denominata «Vallantinum» causa territorio segnato dalla presenza di una valle solcata da un corso d’acqua, la bealera del Valentino che tuttora scorre interrata.

Torino da mangiare

Completo di tessuto misto lino e cotone con stampe feline.  Per lo sfondo di questo modello ho scelto la panna cotta. Si tratta di un dolce di origine piemontese e si presuppone che risalga agli inizi del ‘900. Alcune legende circa l’invenzione della panna cotta, narrerebbero di uno chef cuneese di nome Ettore Songia a metà degli anni sessanta avrebbe messo a punto la ricetta di questo dolce.  Ad oggi la panna cotta è diffusa in tutta Italia, dove viene generalmente servita con salsa ai frutti di bosco, caramello o cioccolato.

Maglia manica corta in piquet di cotone rosso arricchitta con decorazioni in madreperla sul collo. Per lo sfondo ho scelto il gianduiotto, o giandujotto (giandojòt in piemontese). Si tratta di un cioccolatino a forma di prisma a base rettangolare composto con cioccolata denominata gianduia che si produce a Torino. Solitamente è avvolto in carta dorata o argentata. Secondo alcuni il gianduiotto fu prodotto per la prima volta dalla nota società dolciaria torinese Caffarel nello storico stabilimento di Borgo San Donato e presentato al pubblico nel carnevale del 1865 dalla maschera torinese Gianduja, da cui prende il nome, che distribuiva per le strade della città la nuova bontà.

Torino con parole sue

Abito di cotone bianco e borsa di spugna arancione fluo arricchiti con decorazioni di paillette e perline sullo sfondo con la parola “cerea”. E’ una espressione tipicamente piemontese che non ha corrispettivi nella lingua nazionale. Era in origine una forma di saluto reverenziale. Una legenda narra che un cadetto di casa Savoia, volendo vantarsi di conoscere il greco, avesse preso l’abitudine di salutare tutte le persone che incontrava dicendo chairo (“chaire” in greco). Gli abitanti di Torino, per compiacere la casa reale, si erano messi ad imitare il saluto trasformandolo poi nel più popolare “cerea”. Per la teoria più accreditata il saluto piemontese deriva dall’espressione “Saluto alla Signoria Vostra”, con alterazione della parola “Signoria” che nel parlato popolare è diventata sereia, serea.

Sfoglia tutti i look della collezione

campo obbligatorio
campo obbligatorio
campo obbligatorio
campo obbligatorio

Follow the work in progress and real time news on my social accounts
FaceBook, Twitter , Instagram , Tumbler and Pinterest. Watch my videos and reels on Youtube and support my art on Patreon.

If you have questions, comments or ideas to share click here and write me. I will be happy to reply.

Art2wear Mix & Match collection

Let’s go to Torino (Italy). Here the days are still warm and the spirits are hight. It’s time for Art2Wear Mix & Match designer collection. Art2wear Mix & Match collection is made of colourful, vibrant and ironic styles also functional and basic for office, free time and party.
Mix and match your favourite styles to create bold or bright comfy outfits. 

Making moments

Torino places

Dress in cotton white and blue printed fabric. On the background we can see Monte dei Cappuccini, letteraly “the Capuchins’ hill”. On the this hill overlooking the River Po in Torino (Italy) there is the Church of Santa Maria al Monte built for the Capuchin Order.

Blue denim jacket with macramè details on the pockets and the belt.

On the background you can see the “Valentino” castle and the park in Torino (Italy). The ancient castle was bought by Duke Emmanuel Philibert of Savoy. The name Valentino, first mentioned in 1275, seems to derive from a saint called Valentine whose relics were venerated in a church which stood nearby.

Torino tastes

Set in beige mixed linen and cotton printed fabric with “panna cotta” as a background. The Region of Piedmont includes panna cotta in its 2001 list of traditional food products of the region. One unverified story says that it was invented by a Hungarian woman in the Langhe in the early 1900s. An 1879 dictionary mentions a dish called latte inglese ‘English milk’, it could also come from the French recipe of fromage bavarois from Marie-Antoine Carême. Actually, this recipe that we can find in le pâtissier royal parisien is almost the same as the modern panna cotta.

Red waste t-shirt in cotton piquet with shell buttons.

For this style ha have chosen “giandujotto” as a background. The gianduiotto ( [dʒanduˈjɔtto]; Piedmontese: giandojòt [dʒaŋdʊˈjɔt]) is chocolate originally from Piedmont, they are shaped as ingots. It is a specialty of Turin (Italy), and takes its name from gianduja, the preparation of chocolate and hazelnut used for gianduiotti and other sweets (including Nutella and bicerin di Gianduiotto). This preparation itself is named after Gianduja, a mask in commedia dell’arte, a type of Italian theater, that represents the archetypal Piedmontese. Indeed, Gianduja’s hat inspired the shape of the gianduiotto.

Torino dictionary

White mid cotton dress and orange bag in cotton sponge fabric with glitter decorations.

I have chosen the world “cerea” of piedmont language. “cerea” mens “see you”. This greeting used typically in Torino does not have similar in Italian language. The legend tells that a cadet of the king boasted to know Greek and greeted everyone with “chaire” (light/ joy in Greek). People wanted to please the king and started to repeat the greeting. With time “chaire” became “cerea”.

Complete collection

campo obbligatorio
campo obbligatorio
campo obbligatorio
campo obbligatorio

Follow the work in progress and real time news on my social accounts
FaceBook, Twitter , Instagram , Tumbler and Pinterest. Watch my videos and reels on Youtube and support my art on Patreon.

If you have questions, comments or ideas to share click here and write me. I will be happy to reply.

airbrush aeurografo yulia a korneva

the 100 day project 2021

31st January 2021 the artists of all over the world explore the creativity during “the 100 day project 2021″.
Are you ready to follow me?

Leggi in Italiano Версия на русском языке

My project is to learn airbrushing. Let me explain you the why.
Blade runner 1982. Do you remember Pris and her make-up? The moment I saw the girl airbrushing the black eye shadows I understood how I want to feel making my art. That moment my passion for airbrushing was born.

Let’s start from the begining.

What is airbrush and why it is called this way? Aitrbrush is a small, air-operated tool that sprays various media, most often paint but also ink and dye, and foundation by a process of nebulization. Airbrushing is a way of painting using the airbrush.
Now it’s time to meet my airbrush and discover the basics.

My airbrush and me

My airbrush came for Christmas 2020.

It is a double action control gravity feed airbrush.

Gravity feed means that the airbrush has a paint cup at the top and the gravity pulls small amounts of paint into the mixing chamber where atomization occurs. Double action or dual independent control means that the trigger manages the paint volume and airflow. When the trigger is pushed down, the air passes through the airbrush. When you pull the trigger backward, paint begins to flow out. The more you pull the trigger the more paint is delivered. This allows users to control the amount of paint coming out of the airbrush and flow of paint can be adjusted even while painting.

Doing exercises.

These are the basic airbrushing moviments: dots, lines and curves.

These are the basic forms to learn how to airbrush the shadows and volums. The first and the most important is the sphere.

Now let’s spend a few words about cleaning. Airbrush neads to be cleaned very often: to change the colour, to add the colour and before you put it away.

The most long cleaning is one after you finished to use the airbrush. It needs you to diassemble and re-assemble it. Every detail is important. Is even a smallest part of the airbrush is out of place it will not work.

Follow the work in progress and real time news on my social accounts
FaceBook, Twitter , Instagram , Tumbler and Pinterest. Watch my videos and reels on Youtube and support my art on Patreon.

If you have questions, comments or thoughts to share click here and write me. I will be happy to reply.

Paratissima Art station Torino 2020

Paratissima Art station Torino 2020 è la quindicesima edizione dell’evento dedicato all’arte contemporanea.

Go to the English version

Nonostante emergenza sanitaria Paratissima Art Fair Torino ritorna anche nel 2020 con un formato inedito. Il “viaggio” nell’arte contemporanea lungo 4 fermate e 2 mesi partirà il 23 ottobre 2020.

Dal 23 ottobre all’8 novembre 2020 avrà luogo la 1 Fermata presso l’ARTiglieria Contemporary Art Center di Piazzetta Accademia Militare 3 a Torino. Ci sarò anche io per celebrare insieme a voi l’arte come fonte di vita e della rinascita.

Orari:
sabato 10:00-20:00
domenica 10:00-20:00

Clicca qui e prenota ora il tuo biglietto.
Segui evento in tempo reale sui miei canali social Facebook, Instagram e Twitter.
Vuoi acquistare una delle opere esposte alla mostra? Clicca qui .

Progetto
“Rottura di schemi” è distruggere fino alle fondamenta il mio modo di vedere e vivere l’arte per trascendere se stessi. E’ una realtà in trasformazione pronta ad abbracciare l’evoluzione ed essere aperta al confronto con le tecniche ed impostazioni che non sono “nelle proprie corde”, per maturare come artista e come persona.
L’artista russa da inizio alla serie nel 2015 in occasione dell’omonima mostra che invitava gli artisti ad utilizzare le tecniche mai esplorate prima. Ha scelto di fondere la tecnica di Roy Lichtenstein con le atmosfere di Rene Magritte. Da allora la “famiglia” delle opere “irreverenti” continua a crescere di anno in anno.

Per i veri fashion addicted il progetto “rottura di schemi” continua con una collezione moda di t-shirt ed accessori personalizzata con le opere esposte a Paratissima. Clicca qui e vestiti per essere sopra le righe!

Le altre opere del progetto
Le prime opere del 2015. L’opera “Cate” fa parte di questa prima serie eseguita per una mostra dell’associazione “Amici dell’arte” di Pianezza.

Sulla scia del successo delle opere del 2015 esposte a Paratissima 2018 sono nati i ritratti dei miei deejay radiofonici preferiti. Le opere “Paola” e “Trio” appartengono a questo gruppo. Nello stesso anno sono state create le opere dedicate al novantesimo compleanno del topolino più celebre del mondo e la sua “consorte”

Nel 2019 sono nati i ritratti dei personaggi di spicco del mondo politico, sportivo, scienza e persino anime. L’opera “Cristiano” fa parte di questo concept.

Nel 2020 il progetto ha “scomodato” i ritratti più celebri per indagare quanto è importante il volto nell’insieme dellopera d’arte

Vuoi continuare a “rompere gli schemi” con un tuo ritratto? Clicca qui e compila il modulo!

Segui gli sviluppi in tempo reale sui miei canali social Facebook, Instagram e Twitter.

Cristiano. Cristiano Ronaldo pop art collage portrait

Paratissima Art Fair 2020 (Torino, Italy)

Paratissima Art Fair 2020 (Torino, Italy) is back!

Leggi articolo in Italiano

A 4 stop journey long 2 months will take us to explore the contemporary art around Torino (Italy). From 23rd October to 1st November 2020 the first “stop” is coming up at l’ARTiglieria Contemporary Art Center in Torino (Italy) Piazzetta Accademia Militare 3. My artworks and me will be there to celebrate with you the creativity as a source of live and rebirthing.
Open hours:
Saturday 10 am – 8 pm (GMT+1)
Sunday 10 am – 8 pm (GMT+1)
To get your ticket click here.
Dress a capsulle collection of apparel and accessories here.
If you like an artwork on fair click here to purchase it.

The project
“Breaking the rules” is a project that destroys the way of making art. It’s a difficult and painful way to get out from the “confort zone” and to use the media, compositions and ideas never used before to keep on growing as artist and as a person.
The project started in 2015 with the first artwork made for a collective that invited the artists to use the media never used before. The Russian artist mixed up Roy Lichtenstein’s pop-art and Rene Magritte’s surrealism.
Every year the new artworks keep on “breaking the rules”.

Artworks of Paratissima Art fair 2020

For fashion addicted only. Are you ready to break the rules with me? Click here and wear a limited edition capsulle collection that merges the contemporary art, collage and sartorial made in Europe experience in t-shirts, sweaters, swimming suits and accessories .

Real-time news on my social accounts Facebook, Instagram and Twitter.

I will be happy to continue the series of the the portraits breaking the rules with your portrait from photo or life. If you are in click here and fill in the contact form!

Home made Sketchbook Yulia A Korneva

Home made: lockdown in art

“Home made: lockdown in art” is a sketchbook made of more than 30 illustrations 17,5 x 6,5 cm drawn from 10th March to 10th May 2020. Some artworks of this series will be on the “Matite in viaggio 2020” collective in Venice (Italy).

Read this article in Italian

Is it possible to travel even when you stay home to stay safe? Is it possible during the lockdown to go through the home space to go forward? I say “yes” and accept the challenge!
My lockdown started 10th march 2020. I kept on sketching all that time. This is the chronicle of my interior journey to the far and close places I have never seen but I would like to.

Don’t miss the limited edition capsule collection of apparel and accessories from t-shirts to phone cases all with the artworks of “Home Made” sketchbook.

Let me introduce my cats. Their names are Susan and Brie and as well as us they shall stay at home for the lockdown. They pass almost all day on the carpet. Looking at them I see the Egyptian sphinxes. There must be a reason why people revere the cats since the ancient times.

It’s Flash-mob time! There are 2 or 3 flash-mobs every day: first we sing to be brave, than we applaud to the doctors, than we dance, than we place music instruments and make noise … It seams to be on carnival of Rio de Janeiro but we are on the balcony of our homes. It is lockdown, there is COVID-19 outside.

Cactus are the unique plants to survive on the balcony that watch south. This little cactus in the spring sun seams to remember its motherland: the desert. It would be great to go their to sketch that surreal lunar landscapes live.

A puddle on the terrace of my home generously left by the huge Turin rain reflects some weeds. It seams to me to see the fishermen houses of Marano Lagunare near Venice reflected in the water.

The face masks are scarce, so I made them for my family. Finishing the last one the memories of my travel to Turkey with my mother back to my mind. I remember the images of belly dancers with the transparent veils on their faces.

On the balcony in a sunny spring day I talk to my neighbour, during the lockdown a balcony became a sort of social club where to meet people and talk awhile. It sems to be in a typical town of south Italy. I have never been to Naples, but I would like to go there one day.

one week 100 people 2020

One week 100 people 2020. 9-13 marzo

One week 100 people 2020. 9-13 marzo mi ricorderò bene queste date. Come disegnare 100 persone in una settimana durante la quarantena? Vi racconto la mia storia.

Hai mai provato a ritrarre 100 persone in 1 settimana? Io sì. Nel 2020 per quarta volta ho preso parte alla “caccia” al ritratto veloce che si è svolta dal 9 al 13 marzo. Questa volta avevo dei seri dubbi di farcela. Il coronavirus ha confinato tutti in casa.

one week 100 people 2020
One week 100 people 2020. 9-13 marzo Alcune delle 100 persone disegnate durante la quarantena

8 marzo. Ricomincio da zero. Come da tradizione il primo ritratto della serie “one week 100 people” è il mio autoritratto. A differenza dalle altre volte il giorno prima ho disegnato un autoritratto “non ufficiale”. Mi è sembrato giusto definirlo come “numero zero”. Esprime come non vorrei mai sentirmi.

Autoritratto zero ed autoritratto uno

9 marzo. Quarantena -1.  Il primo giorno della maratona. Volti preoccupati delle mie colleghe in sala mensa il giorno prima dell’inizio della quarantena per COVID-19. Negli uffici ci stiamo preparando a “levare le tende” e sparpagliarci per le case con il telelavoro.

10 marzo. #iorestoacasa. Il primo giorno del così detto smart-working ed il secondo della maratona. Disegno i miei compagni dei “domiciliari”, la mia famiglia, e poi chiunque passi nel raggio del visibile. Del fattorino visto dal balcone ho fatto ben 6 pose veloci!

11 marzo. Tanti auguri a me! è il giorno del mio compleanno ed il terzo giorno della maratona “one week 100 people”. Disegno solo me, mia mamma e la prima foto che vedo sul sito di ANSA alle 21 in punto.

12 e 13 marzo. Sul traguardo. Ci mancava pure il venerdì 13! Nonostante tutto finisco le mie 100 persone. Ogni occasione è buona per disegnare: in coda al supermercato (rigorosamente a distanza di sicurezza), per strada, durante i flash mob quando si canta, si suona e si balla sui balconi. Italia vuole crederci e vuole farcela.

Il ritratto numero 100 è il mio autoritratto sullo sfondo azzurro come il simbolo della speranza.

Il 10 maggio 2020 il primo e più duro lockdown è finito, ma nulla è stato come prima…

Per aggiornamenti in tempo reale seguimi sugli account social FacebookInstagram e TwitterTumbler e Pinterest e diventa il mio sostenitore su Patreon.

Vuoi saperne di più, hai delle domande, suggerimenti o vuoi condividere un idea? Clicca qui e scrivimi!