Another Moscow beyond the Kremlin

What do you imagine when one says “Moscow”? Probably you think about Kremlin, Red Square or St. Basil’s Cathedral… OK, that are the most famous places full of tourists. I will show you another Moscow beyond the Kremlin.

Версия на русском языкеLeggi in Italiano

From my window

Maybe it sounds strange, but most of the Muscovites does not see Kremlin from the window. An average Moscow landscape is something like this:

The ancient churches and cathedrals standing among the skyscrapers, active and dismantled factories and the high tension cables all around.

Dacha

Dacha is the name for a country house. It is a seasonal or year-round second home, often located in the exurbs. The noun “dacha”, coming from verb “davat” (to give), originally referred to land allotted by the tsar to his nobles; and indeed the dacha in Soviet times is similar to the allotment in some Western countries, normally free, to citizens by the local government for gardening or growing vegetables for personal consumption.
Since some time avery my journey to Russia I visit “dacha” of my family. In autumn the country landscapes are coloured by the red and yellow leaves of the trees.

Still-lifes

Usually you will see big and small plats with fruit or vegetables and more in the kitchens of muscovites. These place tell a lot about people who live in there. Here are some still-lifes drawn in different places..

Moscow City

It is one of the most recent and ambitious parts of Moscow. MIBC (Moscow International Business Center), also known as Moscow-City is situated about 4 kilometers (2.5 mi) west of Red Square. Here you will find the headquarters of the banks, web companies like Yandex, Mail.ru, Kaspersky and the luxury apartments and restaurants. But you will unlikely find average muscovites in this major financial centre in Europe.

Selfy time

When you come to Moscow there is no way to avoid the places for postcards and films. Muscovites unlikely come here often because there are a lot of tourists. You are absolutely justified to take some photos with Red Square, Kremlin, University of Moscow and other monuments and places of interest.

Ready to take off

The trip takes almost whole day and consists in waiting most of the time. The time passed standing in ine to check-in, passport control, in boarding zone, in flight for me is an occasion to sketch a chaotic life of the airport and aircraft. By the way, if you want to save time and money make the COVID test directly in the airport. It takes just 1 hour.
Here are some pictures of Malpensa (Italy) and Sheremetievo (Russia) airoports:

It’s time to take off and switch off the devices… see you next trip!

p.s. How I did it.

The story of Moscow fall sketchbook 2021 started in April of the same year when my father passed away. Among his belongings I found an almost blanc agenda of 1995. So I decided to use that notebook to tell Moscow as it seen by a muscovite. The pages are covered with transparent acrylic paint to give a right space to the original page format on the background and the sketch in front line.

If you want to receive the original handmade art postcards from my tours just click here and be a part of the exclusive supporter’s club!

Follow the work in progress and real time news on my social accounts
FaceBook, Twitter , Instagram , Tumbler and Pinterest. Watch my videos and reels on Youtube and support my art on Patreon.

Paratissima Art station Torino 2020

Paratissima Art station Torino 2020 è la quindicesima edizione dell’evento dedicato all’arte contemporanea.

Go to the English version

Nonostante emergenza sanitaria Paratissima Art Fair Torino ritorna anche nel 2020 con un formato inedito. Il “viaggio” nell’arte contemporanea lungo 4 fermate e 2 mesi partirà il 23 ottobre 2020.

Dal 23 ottobre all’8 novembre 2020 avrà luogo la 1 Fermata presso l’ARTiglieria Contemporary Art Center di Piazzetta Accademia Militare 3 a Torino. Ci sarò anche io per celebrare insieme a voi l’arte come fonte di vita e della rinascita.

Orari:
sabato 10:00-20:00
domenica 10:00-20:00

Clicca qui e prenota ora il tuo biglietto.
Segui evento in tempo reale sui miei canali social Facebook, Instagram e Twitter.
Vuoi acquistare una delle opere esposte alla mostra? Clicca qui .

Progetto
“Rottura di schemi” è distruggere fino alle fondamenta il mio modo di vedere e vivere l’arte per trascendere se stessi. E’ una realtà in trasformazione pronta ad abbracciare l’evoluzione ed essere aperta al confronto con le tecniche ed impostazioni che non sono “nelle proprie corde”, per maturare come artista e come persona.
L’artista russa da inizio alla serie nel 2015 in occasione dell’omonima mostra che invitava gli artisti ad utilizzare le tecniche mai esplorate prima. Ha scelto di fondere la tecnica di Roy Lichtenstein con le atmosfere di Rene Magritte. Da allora la “famiglia” delle opere “irreverenti” continua a crescere di anno in anno.

Per i veri fashion addicted il progetto “rottura di schemi” continua con una collezione moda di t-shirt ed accessori personalizzata con le opere esposte a Paratissima. Clicca qui e vestiti per essere sopra le righe!

Le altre opere del progetto
Le prime opere del 2015. L’opera “Cate” fa parte di questa prima serie eseguita per una mostra dell’associazione “Amici dell’arte” di Pianezza.

Sulla scia del successo delle opere del 2015 esposte a Paratissima 2018 sono nati i ritratti dei miei deejay radiofonici preferiti. Le opere “Paola” e “Trio” appartengono a questo gruppo. Nello stesso anno sono state create le opere dedicate al novantesimo compleanno del topolino più celebre del mondo e la sua “consorte”

Nel 2019 sono nati i ritratti dei personaggi di spicco del mondo politico, sportivo, scienza e persino anime. L’opera “Cristiano” fa parte di questo concept.

Nel 2020 il progetto ha “scomodato” i ritratti più celebri per indagare quanto è importante il volto nell’insieme dellopera d’arte

Vuoi continuare a “rompere gli schemi” con un tuo ritratto? Clicca qui e compila il modulo!

Segui gli sviluppi in tempo reale sui miei canali social Facebook, Instagram e Twitter.

Cristiano. Cristiano Ronaldo pop art collage portrait

Paratissima Art Fair 2020 (Torino, Italy)

Paratissima Art Fair 2020 (Torino, Italy) is back!

Leggi articolo in Italiano

A 4 stop journey long 2 months will take us to explore the contemporary art around Torino (Italy). From 23rd October to 1st November 2020 the first “stop” is coming up at l’ARTiglieria Contemporary Art Center in Torino (Italy) Piazzetta Accademia Militare 3. My artworks and me will be there to celebrate with you the creativity as a source of live and rebirthing.
Open hours:
Saturday 10 am – 8 pm (GMT+1)
Sunday 10 am – 8 pm (GMT+1)
To get your ticket click here.
Dress a capsulle collection of apparel and accessories here.
If you like an artwork on fair click here to purchase it.

The project
“Breaking the rules” is a project that destroys the way of making art. It’s a difficult and painful way to get out from the “confort zone” and to use the media, compositions and ideas never used before to keep on growing as artist and as a person.
The project started in 2015 with the first artwork made for a collective that invited the artists to use the media never used before. The Russian artist mixed up Roy Lichtenstein’s pop-art and Rene Magritte’s surrealism.
Every year the new artworks keep on “breaking the rules”.

Artworks of Paratissima Art fair 2020

For fashion addicted only. Are you ready to break the rules with me? Click here and wear a limited edition capsulle collection that merges the contemporary art, collage and sartorial made in Europe experience in t-shirts, sweaters, swimming suits and accessories .

Real-time news on my social accounts Facebook, Instagram and Twitter.

I will be happy to continue the series of the the portraits breaking the rules with your portrait from photo or life. If you are in click here and fill in the contact form!

Home made Sketchbook Yulia A Korneva

Home made: lockdown in art

“Home made: lockdown in art” is a sketchbook made of more than 30 illustrations 17,5 x 6,5 cm drawn from 10th March to 10th May 2020. Some artworks of this series will be on the “Matite in viaggio 2020” collective in Venice (Italy).

Read this article in Italian

Is it possible to travel even when you stay home to stay safe? Is it possible during the lockdown to go through the home space to go forward? I say “yes” and accept the challenge!
My lockdown started 10th march 2020. I kept on sketching all that time. This is the chronicle of my interior journey to the far and close places I have never seen but I would like to.

Don’t miss the limited edition capsule collection of apparel and accessories from t-shirts to phone cases all with the artworks of “Home Made” sketchbook.

Let me introduce my cats. Their names are Susan and Brie and as well as us they shall stay at home for the lockdown. They pass almost all day on the carpet. Looking at them I see the Egyptian sphinxes. There must be a reason why people revere the cats since the ancient times.

It’s Flash-mob time! There are 2 or 3 flash-mobs every day: first we sing to be brave, than we applaud to the doctors, than we dance, than we place music instruments and make noise … It seams to be on carnival of Rio de Janeiro but we are on the balcony of our homes. It is lockdown, there is COVID-19 outside.

Cactus are the unique plants to survive on the balcony that watch south. This little cactus in the spring sun seams to remember its motherland: the desert. It would be great to go their to sketch that surreal lunar landscapes live.

A puddle on the terrace of my home generously left by the huge Turin rain reflects some weeds. It seams to me to see the fishermen houses of Marano Lagunare near Venice reflected in the water.

The face masks are scarce, so I made them for my family. Finishing the last one the memories of my travel to Turkey with my mother back to my mind. I remember the images of belly dancers with the transparent veils on their faces.

On the balcony in a sunny spring day I talk to my neighbour, during the lockdown a balcony became a sort of social club where to meet people and talk awhile. It sems to be in a typical town of south Italy. I have never been to Naples, but I would like to go there one day.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva

Home made: quarantena a regola d’arte

“Home made: quarantena a regola d’arte” è un album composto da oltre 30 schizzi 17,5 x 6,5 cm realizzati dal 10/03 al 10/05/2020 durante il lockdown per COVID-19 in Italia. Alcune opere sono state presentate alla collettiva “matite in viaggio 2020” a Mestre e sono diventate la base per una collezione moda di t-shirt, felpe ed accessori edizione limitata.

Read this article in English

Indossa le opere di questo album con le felpe, t-shirt ed accessori moda ed arricchisci la tua casa con un cuscino personalizzato. Clicca qui ed acquista la capsule collection.

È possibile per noi oggi, bloccati in casa, ” viaggiare” in questo contesto, trovare il mondo dentro le mura di casa nostra, e andare anche oltre? Io dico di sì ed accetto la sfida!
La mia “clausura” iniziò il 10 marzo 2020. In tutto questo tempo non ho mai smesso di lavorare e di disegnare. Questa è la cronistoria del mio viaggio interiore verso le terre lontane mai viste.

A tempo di flashmob. Ogni giorno ce ne sono almeno 2 o 3 di flash-mob: prima si canta, poi si applaude poi si balla, si suona. Sembra di essere al carnevale di Rio però sei sul balcone di casa. Non si può uscire, fuori c’è il coronavirus.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Flash-mob come al carnevale di Rio

I cactus sono le uniche piante che riescono a resistere sul balcone esposto a sud di casa mia. Questo “piccoletto” arrivato da poco in una giornata di sole sembra che ricordi della sua patria, il deserto. Sarebbe bello andare a disegnare dal vero un giorno quei ambienti desolati e surreali.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Cactus- il piccolo figlio del diserto

La pozzanghera sul terrazzino generosamente lasciata dalla pioggia torrenziale abbattutasi su Torino riflette le erbacce. A me sembra di intravedere attraverso quei riflessi i casoni di Marano Lagunare.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Pozzanghera e casoni della laguna

Le mascherine, prova a trovarle! Mi sono impegnata e ne ho cucite per tutta la famiglia. Mentre sto terminando l’ultima mi ritorna in mente il mio viaggio in Turchia con mia madre e le danzatrici della danza del ventre.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Mascherine fai da te e danzatrici del ventre

Sul balcone si sta bene in una mattina di sole. Scambio due parole con la vicina. Mi viene in mente una immagine stereotipata del sud Italia. Non sono mai stata a Napoli, ma mi piacerebbe.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Balcone e golfo di Napoli

Vi presento i miei “compagni di cella”: la mia famiglia e le nostre due gatte Susan e Brie. Stese sul tappetto persiano mi sembrano due sfingi. Ci sarà un motivo perché i felini furono venerati ancora in antico Egitto.

Home made Sketchbook Yulia A Korneva. Le gatte e sfingi

Se desideri acquistare questo album unico clicca qui e contattami.

Segui gli aggiornamenti in tempo reale sui miei account social Facebook, Instagram, Twitter e Tumblr.

one week 100 people 2020

One week 100 people 2020. 9-13 marzo

One week 100 people 2020. 9-13 marzo mi ricorderò bene queste date. Come disegnare 100 persone in una settimana durante la quarantena? Vi racconto la mia storia.

Hai mai provato a ritrarre 100 persone in 1 settimana? Io sì. Nel 2020 per quarta volta ho preso parte alla “caccia” al ritratto veloce che si è svolta dal 9 al 13 marzo. Questa volta avevo dei seri dubbi di farcela. Il coronavirus ha confinato tutti in casa.

one week 100 people 2020
One week 100 people 2020. 9-13 marzo Alcune delle 100 persone disegnate durante la quarantena

8 marzo. Ricomincio da zero. Come da tradizione il primo ritratto della serie “one week 100 people” è il mio autoritratto. A differenza dalle altre volte il giorno prima ho disegnato un autoritratto “non ufficiale”. Mi è sembrato giusto definirlo come “numero zero”. Esprime come non vorrei mai sentirmi.

Autoritratto zero ed autoritratto uno

9 marzo. Quarantena -1.  Il primo giorno della maratona. Volti preoccupati delle mie colleghe in sala mensa il giorno prima dell’inizio della quarantena per COVID-19. Negli uffici ci stiamo preparando a “levare le tende” e sparpagliarci per le case con il telelavoro.

10 marzo. #iorestoacasa. Il primo giorno del così detto smart-working ed il secondo della maratona. Disegno i miei compagni dei “domiciliari”, la mia famiglia, e poi chiunque passi nel raggio del visibile. Del fattorino visto dal balcone ho fatto ben 6 pose veloci!

11 marzo. Tanti auguri a me! è il giorno del mio compleanno ed il terzo giorno della maratona “one week 100 people”. Disegno solo me, mia mamma e la prima foto che vedo sul sito di ANSA alle 21 in punto.

12 e 13 marzo. Sul traguardo. Ci mancava pure il venerdì 13! Nonostante tutto finisco le mie 100 persone. Ogni occasione è buona per disegnare: in coda al supermercato (rigorosamente a distanza di sicurezza), per strada, durante i flash mob quando si canta, si suona e si balla sui balconi. Italia vuole crederci e vuole farcela.

Il ritratto numero 100 è il mio autoritratto sullo sfondo azzurro come il simbolo della speranza.

Il 10 maggio 2020 il primo e più duro lockdown è finito, ma nulla è stato come prima…

Per aggiornamenti in tempo reale seguimi sugli account social FacebookInstagram e TwitterTumbler e Pinterest e diventa il mio sostenitore su Patreon.

Vuoi saperne di più, hai delle domande, suggerimenti o vuoi condividere un idea? Clicca qui e scrivimi!